31 gen 2012

Tresor: back to childwood!


Ma ve li ricordate?
Ve lo chiedo perché mio marito, alcune mie amiche, e svariati smemorati non se li ricordano affatto.
Io invece me li porto dentro come il ricordo più buono della mia infanzia, li adoravo, ne mangiavo a volontà (compatibilmente con il prezzo che era abbastanza alto diceva mammina) e per me, che da bambina non ero golosa di nulla, era davvero una gran cosa.
Per una volta non è stata colpa della celiachia se ho dovuto smettere di mangiarli. 
All'improvviso, non ricordo quando, ho notato che non si trovavano più in giro.
Che peccato, soprattutto perché prima non pensavo assolutamente che tutto si potesse riprodurre in casa.
Nei giorni scorsi mi sono ricordata di questa delizia e ho provato a cercare una ricetta che gli assomigliasse.
Con mia somma sorpresa ho visto che non sono l'unica a ricordare con nostalgia questi biscotti e la ricetta in rete c'è, eccome se c'è! ho deciso di provarli immediatamente e...sono identici!!!
E' stata una sensazione incredibile mangiarli perché mi ha davvero riportata indietro nel tempo.
Ve li propongo in versione gluten free e con piccole modifiche rispetto alla ricetta che ho trovato qui

Ingredienti
150 gr di farina per dolci (io Mix per Impasti lievitati)
25 gr di fecola di patate consentita
125 gr di zucchero semolato
2 cucchiaini di miele d'acacia
3 uova medie
1 bustina di vanillina
80 gr di cioccolato fondente consentito
granella di zucchero consentita in abbondanza

Ho scelto di non usare il lievito (che nella ricetta era riportato) perché con la planetaria si riesce a gonfiare benissimo le uova e quindi in cottura i biscotti si gonfiano lo stesso. Vi consiglio, se non avete la planetaria, di utilizzare delle fruste elettriche e puntare su un'ottima montata che, a mio avviso, è il segreto di questi biscotti.

Nella planetaria zucchero, miele e uova a temperatura ambiente.
Lavorate a velocità massima per 15 minuti e accendete il forno a 170° funzione ventilata per dolci


Setacciare per 3 volte la farina con la vanillina e aggiungerla in 3 tempi al composto,
 mescolando a mano con un frustino molta delicatamente.


Mettete la ciotola in frigo.
Preparate un sac-a-poche con una bocchetta liscia (diciamo 6 o 7 mm.) e foderate due leccarde con carta da forno. Riprendete la ciotola e trasferite l'impasto nella tasca da pasticciere.
Formate dei bastoncini distanziandoli leggermente e cospargete con la granella di zucchero.
Cuocete per  8 minuti circa.


A me son servite 2 infornate quindi, mentre i primi biscotti cuociono tenete l'impasto in frigo.
Sfornate e aspettate 2 o 3 minuti prima di trasferire i biscotti su una gratella sollevandoli direttamente con la carta. Passate la teglia sotto acqua fredda (non mettete i biscotti nuovi sulla teglia calda altrimenti rovinerete la cottura) e procedete alla seconda infornata terminando l'impasto.

Quando i biscotti saranno freddi,  abbassate il forno a 100°  ventilato e rimetteteci i tresor capovolti lasciandoli asciugare circa 5 minuti, rigirandoli e lasciandoli altri 4 minuti.
Fate raffreddare ancora e poi temperate il cioccolato a bagnomaria (ricordatevi di non far mai toccare il fondo del pentolino nell'acqua sottostante) senza scioglierlo troppo (sarebbe l'ideale a 50°).
Preparate un cartoccio, oppure un altro sac-a-poche tagliato appena alla punta, e decorate i biscotti con ghirigori a piacere. Lasciar asciugare bene il cioccolato e...

Buon viaggio nel tempo :)


Con questa ricetta partecipo al contest di Simona
Il mio primo contest



28 commenti:

  1. nooooooooooooooooooo! I tresor! Tu sei un TRESOR ad averli postati! Quanti ricordi! Li faccio al più presto! Ora me li salvo nei preferiti! BACIUZ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellooo!!! C'è chi mi comprende appieno :))

      Elimina
    2. posso inserirmi tra i tuoi amici, il tuo lui e gli smemorati?!!!!!io non li ricordo, ma devo dire che,poichè non amo molto i dolci corposi di creme e liquori,e poichè questi biscotti mi sanno tanto di cose che piacciono a me(!!!), che importa se non li conoscevo....l'importante è che adesso ne apprendo l'esistenza!!!!!!!ihhihihi..grazie per la partecipazione al contest. un bacissimo!

      Elimina
    3. Buonissimi Simona devi provarli :)

      Elimina
  2. Io non conoscevo questi biscotti :( Ed è un vero peccato xche devono essere favolosi, chissà cosa mi sono persa!Rimedierò sicuramente .. baci

    RispondiElimina
  3. Wowwwwww ma sei una magaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! Splendidi me li ricordoooooooooooooooooo!!!!! Sei un mito davvero! Me li segno!!!!

    RispondiElimina
  4. cavoli, me li ricordo si..erano i miei preferiti, e poi non si trovano più sul mercato, brava e grazie!

    RispondiElimina
  5. Ecco, Tresor... me li ricordavo, benissimo - è vero, erano un lusso quando ci permettevano di comprarli, anche perchè duravano pochissimo! - ma non mi ricordavo il nome. Bene bene, li proverò!:-) belli...

    RispondiElimina
  6. ne mangiavo pacchi interi...ora posso farlo insieme ad andrea ^_^....è un vataggio??per la linea sicuramente aahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so! Ma bisogna sacrificarsi ;)

      Elimina
  7. Me li ricordo si, ma da rinko qual sono non mi ricordo se li ho mai mangiati...inizio a preoccuparmi. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se li avessi mangiati li ricorderesti bene!
      un abbraccio a te :)

      Elimina
  8. Che belli che sono, devo ammettere che ne mangerei volentieri qualcuno!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. caspita, non li conosco! hanno un aspetto goloso goloso :-)) grazie per la ricetta, a casa mia sparirebbero in un battibaleno :-XX

    RispondiElimina
  10. ooooooooooooo...GAbriele mi ha chiesto se mi avevi dato la ricetta ed eccola finalmente!!! Domani mi dò da fare e li provo, i tuoi erano buonissimi. Baci sorellina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti domenica a merenda li hanno sbranati (i tuoi ovviamente!) :)
      Baci

      Elimina
  11. non conoscevo questi biscotti ,ma mi incuriosiscono e segno la ricetta. un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti provarli Stefania. Buona giornata!

      Elimina
  12. Mamma mia ma quanto erano buoni!!!! Quasi quasi mi metto all'opera con questa versione gluten free!! :) Sei favolosa, grazie AnnaLisa.

    RispondiElimina
  13. Ma che belli! io non li ho mai assaggiati, nè mai visti prima.. ma adesso ho un'acquolina!! sono contenta che tu sia riuscita a fare questo tuffo nel passato! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Vorrei che li provassi anche tu per condividere la mia gioia :)

      Elimina
  14. Ciao. Grazie per il tuo affettuoso commento e per essere diventata una mia lettrice. La ricetta va benissimo, solo dovresti ripubblicarla. Basta che pubblichi un nuovo post con foto del piatto e link che rimandi al post originale e chiaramente il banner con il link al contest. Fammi sapere quando è tutto a posto e appena leggo ti metto subito in lista. Mi unisco anche io volentieri ai tuoi lettori ;o)

    RispondiElimina

Ciao! Aspetto il tuo commento...torna a ricontrollare la mia risposta :-)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...